Blog23: Meglio essere gli unici che i migliori

 

Ovvero come investire sul branding, sulla propria attività e sull’innovazione di valore, sostituendo la lotta per la sopravvivenza con la creazione di nuove proposte e alternative di mercato in cui non c’è bisogno di competere.

 

Per piccole e medie attività come le Farmacie, siano esse di nuova costituzione o già esistenti, è sempre maggiore la difficoltà di emergere all’interno di contesti difficili, perché estremamente competitivi e sempre più affollati. Certo, in uno scenario privo di crisi economica, in cui abbondano investitori e clienti disposti a spendere, l’indice di prosperità sarebbe di sicuro più elevato, ma la situazione di stallo e recessione che vivono le aziende non dipende solo da questo. Anche nelle condizioni più favorevoli, infatti, sono ben pochi coloro che riescono ad avere successo; gli altri si mantengono a galla, traccheggiando nella propria comfort zone.

 

Cosa vuol dire dunque distinguersi? Significa costruire una proposta unica e di valore, dotare la propria offerta di prodotti/servizi di quella personalità che occorre per renderla differente, ponendo al centro del modello di business la propria Farmacia, nel giusto mix tra brand e le persone, non inseguendo una competizione incentrata sullo scimmiottamento di formule di successo create da altri.

 

L’idea di base è che, al posto di concentrare tempo e attenzione sull’osservazione dei competitor e sulla reazione alle loro mosse strategiche, bisogna cercare soluzioni che accrescano il valore per i clienti. Per rendere il brand diverso da tutti gli altri, invece, si deve conoscere cosa fa la concorrenza, come è posizionata, quali sono le leve che utilizza per catturare il pubblico e chiedersi come si può essere diversi in meglio.

 

Tentare di imitare i leader del mercato conduce inevitabilmente al fallimento. Se sono leader c’è un motivo: sono forti, ben posizionati, hanno maggiore esperienza, dispongono di risorse consistenti e presidiano in modo agguerrito il proprio settore. Detronizzarli proponendo un’offerta al più simile alla loro è molto difficile (e costoso) perché godono di:

  • fedeltà alla marca: i clienti non sono inclini ad abbandonare i brand a cui sono fedeli;

  • notorietà della marca: il brand più conosciuto occupa sempre il primo posto nella mente dei consumatori;

  • qualità percepita: i prodotti e servizi del leader vengono considerati originali, la prima scelta; quelli di chi segue un surrogato, un’offerta di livello inferiore.

La sfida, perciò, deve essere quella di differenziarsi dai leader mantenendo la propria identità e creando valore per il proprio brand e per i clienti, ovvero essere UNICI (o differenti).

 

Come? Forse la soluzione, o la scelta più efficace, è quella di investire sull’innovazione orientata al valore, lavorare sulla creazione dei valori distintivi e caratterizzanti con cui ci si pone e si “gioca” sul mercato; strutturarsi in maniera tale per cui il cliente valuti e preferisca una determinata azienda o una determinata offerta rispetto alla concorrenza.

 

La prima cosa da fare, dunque, è riuscire a individuare tra le caratteristiche che distinguono l’impresa ciò che la rende davvero unica dalle altre. È diverso dal ragionare sui punti di forza o sui vantaggi dell’offerta. Deve essere qualcosa di esclusivo, che rappresenti un reale valore aggiunto per i clienti, una qualità che porti l’azienda ad essere considerata speciale e insostituibile.

 

Succesivamente occorre avere il coraggio di seguire altre strade che sfruttano la creatività, l’innovazione, il pensiero laterale e il problem solving strategico per affrontare la questione in modo diverso dal solito.

 

 

 

Beppe Colombo

Direttore Commerciale Clou Farmacie Fashion

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio