Blog16: La comunicazione silenziosa

Appunti di visual merchandising

 

Il visual merchandising è uno strumento sottile. Non si vede ma c’è. Sempre.

E’ come il regista di uno spettacolo teatrale: se ne sta lì, dietro le quinte, ma  fa in modo che lo spettacolo vada in scena. Con i suoi ritmi cadenzati, con l’effetto sorpresa quando occorre. Col preciso scopo di riuscire ad emozionare e convincere lo spettatore a tornare per rivivere quel momento e renderlo indimenticabile.

 

All’interno del mondo retail è forse il settore che meglio riflette i cambiamenti in essere, sia nell’impostazione strategica dello spazio vendita che nell’approccio verso il cliente/consumatore.

E’ quella a cartina tornasole utile per capire come si sono evolute le modalità di acquisto e di esposizione del prodotto.

 

Forse cinquant’anni fa era sufficiente posizionare la merce in maniera ordinata con il prezzo bene in vista; oggi non basta più. Non bastano i deejay set con le promozioni del sabato pomeriggio né tanto meno i vari “testimonial” più o meno famosi e le modelle in vetrina. Superato anche quello.

 

Il consumatore contemporaneo è tra i più informati di sempre: ancora prima di entrare nel mio negozio, nella mia Farmacia sa già cosa troverà al suo interno. E allora, cosa lo spinge a scegliere un prodotto piuttosto che un altro? Perché vorrà tornare nella mia Farmacia, piuttosto che in quella del mio vicino?

 

 Ecco, è proprio qui , in questo momento quando inizio a pormi queste domande che il visual merchandising mette sul tavolo le sue risposte, vincenti. Le aziende che hanno capito che dal voler possedere un oggetto si è passati a voler vivere un’esperienza di o con quell’oggetto hanno centrato il loro bersaglio.

 

Proviamo a rendere meno astratto questo “parolone” cercando di contestualizzarlo con esempi concreti: uno dei primi brand a mettere in pratica questo concetto è stato Nespresso; le sue boutique vendono caffè  ma soprattutto, l’appartenenza a un club esclusivo. L’inserimento di uno spazio dedicato alla degustazione completa il format:  permette sia di far scoprire le novità sia di offrire un momento piacevole che verrà ricordato.

 

Altro esempio: il flagship store di Woolrich a Milano. In questo spazio di vendita  è stata progettata la camera del freddo, una sorta di camerino con neve e temperature sotto zero per far provare in maniera immediata cosa significa indossare  un loro piumino. Un esperienza diretta ed immediata dove l’affezione al brand non è determinata dal capo indossato ma dalla shop experience vissuta.

 

O ancora: il negozio Sephorà di Milano dove  le clienti possono giocare a scattarsi selfie, su grandi schermi interattivi, da stampare e condividere sui social. Oppure possono farsi truccare da una delle make up artist e intanto navigare o giocare con gli Ipad a disposizione. Con un colorimetro che riconosce la tonalità della propria pelle, (in collaborazione con Pantone) è oggi possibile scoprire anche la nuance di fondotinta perfetta, virtualmente. E poi sistemi di proximity marketing (Beacon) permettono di profilare i clienti che mettono piede in negozio al fine di informarli sulle novità o sulle promozioni a cui possono accedere in tempo reale; QR code sui prodotti per ricevere maggiori informazioni e infine il sistema “click &collect” (si ordina online e si ritira in negozio, per un mix perfetto fra le due soluzioni). Il risultato è una tipologia di store “tradizionalmente esperienziale” ma assolutamente all’avanguardia in ambito omnicanale.

 

In sintesi, oggi ancor più che in passato è diventato vitale ed imprescindibile per un'azienda retail saper parlare un linguaggio contemporaneo e non convenzionale soprattutto quando ci si posiziona su un canale decisamente tradizionale. Pianificare azioni commerciali mirate con l’utilizzo degli strumenti messi a disposizione dal visual merchandising resta la chiave per poter creare un’esperienza di acquisto unica, esclusiva e indimenticabile.

 

 

 

Beppe Colombo

Direttore Commerciale Clou Farmacie Fashion

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio