Vaccinazioni in farmacia, come organizzare gli spazi

Oggi non sentiamo parlare di altro, non vogliamo altro che “tornare quelli che eravamo prima”. Dobbiamo cogliere oggi l’opportunità per essere domani migliori sia come Persone sia come Professionisti pronti a cogliere quegli spunti di crescita che ci vengono offerti dal vissuto terribile di questo periodo.

 Perché cogliere la possibilità di somministrare il vaccino in farmacia la dobbiamo considerare come un’opportunità da non perdere?

Perché questo consente di rialzare l’asticella della Professione di Farmacista che negli ultimi tempi è scivolata sempre più verso l’ambito commerciale più stretto con tutte le problematiche che la cosa comporta.

Confronto impari con la grande distribuzione, con le Catene nate grazie alla legge 124 del 2017 che possono vantare posizioni di privilegio con i Distributori che spesso sono anche proprietari di farmacie, ora c’è la concreta possibilità di riportare al centro l’ambito medico-scientifico della Professione.

La domanda che sorge spontanea è:

Tutto questo oggi assume una valenza importantissima, ma una volta finito il periodo emergenziale cosa succederà, perché pensare ora  di riorganizzare lo spazio all’interno della farmacia , perché prendere in considerazione l’ipotesi di cambiare gli arredamenti se tra qualche mese l’emergenza sarà finita e tutto tornerà come prima?

Nulla tornerà come prima, la pandemia ha segnato un punto di non ritorno, da oggi si potranno somministrare vaccini (non solo Covid), offrire consulenze in ambito sanitario direttamente in farmacia quindi non solo vendere farmaci e/o prodotti, si potranno mettere a disposizione di medici e specialisti spazi all’interno della farmacia , questo significa che il Farmacista e la farmacia stessa potranno finalmente essere riconosciuti da tutti i Cittadini per quello che effettivamente rappresentano:

Il primo, più vicino e capillare presidio sanitario sul territorio a supporto del Servizio Sanitario Nazionale.

Già ma questo non mi penalizza sotto il profilo del fatturato? perché alla fine io Farmacista a quello comunque devo pensare.

La risposta è tanto semplice quanto stimolante per gli spunti di riflessione che offre:

NO non mi penalizza anzi, le prestazioni sanitarie che andranno ad essere offerte serviranno a RI-portare in farmacia quelle persone che oggi prediligono l’acquisto online, l’e-commerce, quelle persone che oggi entrano frettolosamente in farmacia ed hanno “perso” il gusto dell’acquisto d’impulso.

Entro in Farmacia, mi guardo attorno, VEDO un prodotto che non pensavo di acquistare ma proprio perché l’ho semplicemente visto e magari proposto in offerta, lo acquisto. Il mantra deve essere:

Riportiamo in Farmacia quante più persone possibili senza svilire la professione del farmacista

Il “nemico”, e-commerce su tutti, non lo dobbiamo sfidare con le SUE armi perché non le abbiamo o se le abbiamo non hanno la stessa potenza di fuoco, lo dobbiamo sfidare con armi che lui NON HA E NON POTRA’ MAI AVERE.

Ecco perché oggi è fondamentale più che mai pensare ad una riorganizzazione degli spazi e ad arredamenti che siano funzionali a restituire e valorizzare il ruolo della farmacia come Presidio sanitario sul territorio ed al Farmacista la piena dignità di Dottore o Dottoressa un Farmacia. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su

Grazie

PER AVERCI LASCIATO I TUOI DATI

A breve sarai ricontattato

Lasciaci
i tuoi dati

Ti contatteremo quanto prima

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere tutte le novità e le offerte Clou

In regalo il Post del Sorriso, da condividere sui tuoi canali Social.

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere tutte le novità e le offerte Clou

In regalo il Post del Sorriso, da condividere sui tuoi canali Social.

segui la newsletter

Stai con noi!